English | Italiano

Le Morandine - Acquista
Le Morandine
Dove

Le Morandine è un progetto ideato e realizzato da Sonia Pedrazzini.

Per informazioni e prezzi contattate il nostro studio.

Sonia Pedrazzini Design Atelier
Tel +39 0523 323373
studio@soniapedrazzini.it

Le Morandine sono state esposte in diverse gallerie e mostre, sia in Italia che all’estero, tra cui:

Il design italiano oltre le crisi. 
Autarchia,austerità,autoproduzione. 
Triennale Design Museum, Milano
Italian Genius Now
Santander Cultural, Porto Alegre (Brasil)
Fare Lume. Candele tra Arte e Design,
Museo Poldi Pezzoli, Milano
Degni di Nota. Design in Italy in critical times 1 - Zirkumflex gallery, Berlin (Germany)

Sono state inoltre selezionate dal prestigioso catalogo ADI DESIGN INDEX 2013 e pubblicate su riviste e giornali, tra essi: Io Donna, Interni/Panorama; Home hearst; GraziaCASA; Casaviva; Inventario; D Casa laRepubblica; THE TIMES Luxx magazine; Bravacasa; Corriere della Sera; Corriere Design; Artribune; Interni;Case da Abitare.

Le Morandine, distribuite presso l’Hammer Museum di Los Angeles, California , sono state acquistate dall’attrice e premio Oscar Cate Blanchett. (www.hammer.ucla.edu)

 
Composizioni
Composizioni
Suggestioni

Composizioni

Composizioni

Composizioni

 
Sonia Pedrazzini - Design Home
Sonia Pedrazzini
Design Atelier


Sonia Pedrazzini
Design Atelier

Via Castello, 20
29121 Piacenza (I)

Tel. +39 0523 323373
Fax +39 0523 323373

studio@soniapedrazzini.it

Sonia Pedrazzini Design Atelier è uno studio creativo ed eclettico che si occupa di design, arte, packaging e comunicazione e che si interessa – sia a livello teorico che applicativo - degli aspetti culturali e pop della società contemporanea.

Visita lo Studio

         
Morandi tra le mani
Morandi tra le mani
di Marco Senaldi

Certamente, per tutti, Giorgio Morandi rappresenta qualcosa. Non appena ne udiamo il nome, la mente corre alle celebri nature morte, così immote, così silenziose, sfiorate da quell’inimitabile luce opaca. Dici “Morandi”, e vedi le sue bottiglie – come uno dice “Dalì”, e si immagina orologi molli, oppure “Warhol” e subito ha in mente la Marilyn colorata. Poi però, non appena si esce dalle immagini mentali e ci si confronta con le opere reali, ecco che le cose cambiano. Ci sono mille nature morte di Morandi – tutte si somigliano, tutte sono indiscutibilmente “morandiane”, eppure lo spirito di Morandi gioca dappertutto a rimpiattino – qualcosa di Morandi è in ogni suo quadro, ma lui non si fa mai cogliere tutto intero in uno solo. Ma questa indefinibilità ci fa fare un passo nella giusta direzione.

In tal senso, per capire Morandi, una visita all’appartamento-studio di via Fondazza, a Bologna, è fondamentale. Solo lì, di fronte ai tavoli di supporto usati dall’artista, alle bottiglie che sono le protagoniste delle sue nature morte, si inizia a comprendere quale fosse l’incredibile progetto che lo ha tenuto attivo per una vita. La superficie di questi tavoli, rivestiti da fogli di carta da spolvero, è infatti, completamente ricoperta di segni a matita, a penna, a lapis blu e rosso. Sono traiettorie, rotte, percorsi, itinerari, tragitti, strade, labirinti, lungo i quali l’artista ha spostato, con diuturno lavorio di sperimentazione, le sue bottiglie e i suoi oggetti, variando di composizione in composizione, in un ininterrotto gioco di permutazioni.

Questa osservazione contribuisce a rendere l’immagine di Morandi assai più vicina al nostro sentire. Morandi, senza dubbio, è forse l’ultimo dei grandi pittori italiani che guardano alla tradizione sentendo di farne parte; ma, cosa ancor più stupefacente, egli è anche un artista completamente contemporaneo, le cui opere implicano la procedura con cui sono state realizzate.

Questo è il vero Morandi a cui dobbiamo ritornare. E questo è esattamente il senso che sta al fondo del progetto Le Morandine che avete ora tra le mani - un’opera di design concettuale ideata e realizzata da Sonia Pedrazzini. Gioco, passatempo, dispositivo pedagogico, creazione artistica, componente d’arredo, design per la mente – chiamatelo come volete, poco importa.

Sotto forma di candele di cera, che trasfigurano le bottiglie di Morandi, avete a vostra disposizione la possibilità di “essere” proprio come l’artista davanti al suo mondo casalingo e insieme universale. Potete lasciare queste forme in una collocazione casuale, oppure cercare la combinazione perfetta che sarà destinata a rimanere intatta per tutto il tempo che lo vorrete; oppure, ogni mattina, o ogni ora, potrete variare leggermente o radicalmente la composizione alla ricerca di un accostamento migliore, oppure semplicemente cambiarla per capriccio, o per improvvisa ispirazione.

Lasciate posare lo sguardo su queste forme, rigorosamente ispirate a quelle utilizzate dall’artista, fatevi permeare dalle loro tonalità, fedelmente tratte dai suoi dipinti; ecco, adesso tocca a voi, potete fare ciò che volete. Adesso l’artista, il regista, il coreografo, il compositore, l’astronomo di questo gioco di presenze siderali e insieme domestiche, siete proprio voi.

Qualunque cosa farete, e proprio nel farla, ormai avete “compreso” Morandi; e soprattutto, lui ha compreso voi.

 
Le Morandine - Logo

Le Morandine sono una collezione di oggetti disegnati da Sonia Pedrazzini le cui forme richiamano le famose nature morte di Giorgio Morandi.

L’intenzione di questo progetto - oltre che un omaggio al grande Maestro - è di far avvicinare le persone al “fare morandiano”, all’esperienza di profonda interazione che lui stesso aveva con gli oggetti quotidiani che dipingeva; un rapporto tutto incentrato sui concetti di movimento impercettibile, di dilatazione temporale e di luminosità interiore.

Il progetto Le Morandine ha avuto inizio nel 1998 quando fu proposto ad una azienda di design che però decise di non realizzarlo, fu quindi presentato alla direzione del Museo Morandi di Bologna e infine nel 2009 è stato ripreso e prodotto dalla stessa Sonia Pedrazzini che ha realizzato dapprima il pattern grafico e la collezione di candele e nel 2013 anche la serie dei vasi in ceramica, presentati poi al Salone del Mobile 2014 in una edizione speciale per Molteni&C.

Il gioco di Morandi continua e altri oggetti arricchiranno presto la collezione.

Le Morandine - I Vasi

Le Morandine - Le Candele

Le Morandine - Le candele

 
Il Pattern
Il Pattern
L'osservazione dei segni

Il concept de Le Morandine si è sviluppato a partire dall’osservazione delle linee, dei cerchi, delle tracce a matita che Morandi segnava sul tavolo da lavoro per determinare la giusta collocazione dei suoi oggetti e di conseguenza stabilire la perfetta composizione artistica.

Per completare il progetto è stato dunque realizzato un pattern che riproduce, in modo stilizzato e con una grafica contemporanea, una carta di Morandi, con i segni circolari dei posizionamenti delle sue bottiglie.

Foto cerchi Morandi

Chi possiede queste candele e questi vasi sa che potrà interagire con esse, disponendole su un piano con la stessa libertà con cui il Maestro spostava i suoi oggetti prima di immortalarli sulla tela.

Foto Pattern Morandi


Foto oggetti Morandi

         
Le Morandine - Gallery
Le Candele
Crea la tua natura morta

Il set si compone di quattro candele, in diverse forme e tonalità che si rifanno agli oggetti e alla palette di colori del Maestro.

Realizzate artigianalmente, le candele Le Morandine presentano una graffiatura “a tela” eseguita manualmente che le rende uniche e dona ad esse un effetto di luce opaca tipica delle opere di Morandi.

Ogni scatola è firmata e numerata ed è in edizione limitata di 300 esemplari Quattro forme diverse, otto colori, illimitati posizionamenti.

Il "gioco di Morandi" è come un esercizio zen. Ogni giorno, all'infinito, si potrà cercare la propria composizione ideale, la propria perfetta natura morta.

Le Morandine - Le Candele

Le Morandine - Le Candele

Le Morandine - Le Candele

Le Morandine - Le Candele

 
Il Packaging
I Vasi
Crea la tua natura morta

Una collezione di vasi in ceramica dipinta a mano, le cui forme - come la precedente serie di candele, di cui rappresentano l’evoluzione - richiamano le nature morte di Giorgio Morandi. Questi vasi, nei tipici cromatismi di Morandi, conservano l’aspetto opaco e gessoso degli oggetti quotidiani che l’artista trovava e ridipingeva prima di trasporli nella luce cerosa dei suoi quadri. 

I vasi Le Morandine V. - realizzati a mano da artigiani italiani su disegno di Sonia Pedrazzini - sono disponibili su ordinazione e sono venduti sia singolarmente che in gruppo. I colori possono essere scelti all’interno di un’ampia pallette di tinte selezionate. Ogni vaso è marchiato da un monogramma che ne garantisce l’originalità.

Le Morandine - I Vasi

Le Morandine - I Vasi

 Le Morandine - I Vasi

 
Giorgio Morandi
Giorgio Morandi
Un omaggio al Maestro

Il progetto de Le Morandine intende omaggiare un grande Maestro dell’arte italiana, Giorgio Morandi, artista che con particolare intensità ed eleganza seppe dare nuova luce agli umili oggetti della quotidianità: vasi, scatole, ciotole, tazze, brocche, bottiglie; quelle semplici “cose” con cui spesso il design si trova ad avere a che fare.

Giorgio Morandi - Lo Studio

Giorgio Morandi, (Bologna, 1890 – 1964) è stato un pittore e incisore italiano. Fu uno dei protagonisti della pittura italiana del Novecento.

La sua pittura si può definire unica e universalmente riconosciuta; celebri le sue nature morte olio su tela, dove la luce rappresenta il fondamento delle sue opere. L'apparente semplicità dei contenuti (vasi, bottiglie, ciotole, fiori, paesaggi) viene esaltata dalla qualità pittorica.

Riservato, dai tratti nobili, gentile sia nella vita privata che in quella professionale, Morandi ha sempre fatto discutere per la sua personalità enigmatica ma fortemente positiva.

Giorgio Morandi - Lo Studio

Dal 1910 al 1964 ha vissuto in Via Fondazza 36, a Bologna, con la madre e le tre sorelle, dove attualmente è situata la casa museo luogo in cui è stato ricostruito l' atelier così come era ai tempi in cui viveva l'artista.

Si racconta che Morandi, durante gli ultimi giorni della sua vita, stava coricato nel suo letto continuando con l'indice a disegnare nell'aria le forme che avrebbero fatto parte del percorso artistico che andava evolvendosi.